Sura LXXXI
At-Takwîr
(L'Oscuramento) 
Pre-Eg. N°7. Di 29 versetti
11 nome della sura deriva dal versetto 1.
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.

1. Quando sarà oscurato il sole,

2. e spente le stelle,

3. e messe in marcia le montagne,

4. e neglette le cammelle gravide di dieci mesi,

5. e radunate le belve,

6. e ribollenti i mari,

7.    e divise in gruppi le anime*,

*[“e divise in gruppi le anime”: “e i buoni saranno ricongiunti ai buoni e i malvagi ai malvagi”: è questo il senso suggerito dal Tabarî (XXX, 70) che tuttavia ne cita un altro, accettato da molti traduttori, “e riunite ai corpi le anime”]

8. e quando verrà chiesto alla [neonata] sepolta viva

9. per quale colpa sia stata uccisa*,

*[Come già in altri brani, Allah (gloria a Lui l'Altissimo) ribadisce la condanna della pratica dell'uccisione delle neonate (vedi VI, 137)]

10. e quando saranno dispiegati i fogli,

11. e scorticato il cielo,

12. e attizzata la Fornace,

13. e avvicinato il Paradiso,

14. ogni anima conoscerà quel che avrà prodotto.

15. Giuro per i pianeti

16. che passano e che si occultano,

17. per la notte che si estende,

18. per l'aurora che esala il suo alito,

19. questa è la parola di un Messaggero nobilissimo,

20. potente ed eccellente presso il Signore del Trono,

21. colà obbedito e fedele.

22. Il vostro compagno non è un folle:

23. in verità l'ha visto sull'orizzonte luminoso*,

*[“l'ha visto”: Gabriele (pace su di lui), in occasione della prima rivelazione del Corano]

24. non è avaro dell'Invisibile.

25. Questa non è parola di dèmone lapidato.

26. Dove andate dunque?

27. Questo non è che un Monito rivolto al creato

28. per chi di voi voglia seguire la Retta Via.

29. Ma voi lo vorrete solo se lo vorrà Allah, il Signore dei mondi.

ritorna all'indice